5 consigli per risparmiare in crociera

5 consigli per risparmiare in crociera

Chi ha detto che le crociere non possono essere lowcost? Spesso sentiamo persone scoraggiate a fare questa esperienza perchè temono sia una vacanza “da ricchi”.

Noi abbiamo fatto già un paio di crociere e le spese affrontate non sono tanto diverse da una vacanza in hotel, ovviamente bisogna organizzarsi :).

Qui di seguito vi elenco 5 consigli per poter fare una crociera lowcost.

1 Pacchetti Bevande

Prendete i pacchetti bevande per i pasti e mi raccomando prendeteli prima di imbarcarvi altrimenti a bordo li pagherete con la maggiorazione.

L’importante è fare un calcolo medio di quanto normalmente bevete in un giorno, le vostre abitudini o il comportamento che immaginate terrete durante il viaggio: consumate soft drink o volete farlo in crociera? bevete il caffè dopo pranzo e cena e volete farlo anche in vacanza o volete cogliere l’occasione per depurarvi e non berne proprio? Ponetevi queste domande e moltiplicate la risposta per il numero dei giorni della vostra crociera, saprete così quanti e quali pacchetti comprare.

2 Trasferimenti per/dal Porto

Se avete bisogno del collegamento dalla vostra città per raggiungere il porto di partenza della nave non usate quelli ufficiali che vi propongono ma usate fixbus.it. Noi abbiamo fatto così e abbiamo risparmiato tanto (Verona – Genova) spendendo meno della metà di quanto avremmo speso con l’autobus della compagnia navale con cui viaggiavamo.

Gli autobus sono puliti, spaziosi, dotati di corrente per ricaricare i device, toilette e molto puntuali.

3 Escursioni durante la Crociera

Quando prenotate la crociera vi saranno proposte le escursioni fattibili nei porti di attracco, vi saranno poi riproposte durante la crociera in modo più o meno insistente.

Io vi consiglio di visionare già da casa quanto proposto e di … organizzarvele da soli!

Le escursioni sono molto costose e tante volte le compagnie inseriscono visite mirate a farvi acquistare prodotti da negozianti “loro amici” (es. visita al mercato cittadino con tappa al negozio di tappeti dove vi spiegano come si fa un tappeto e …cercano di venderveli).

Quindi basta informarsi da casa, in base ai vostri gusti, su cosa potete vedere nei porti.

Vi consigliamo di visitare i forum dei crocieristi, secondo noi il migliore è crocieristi.it.

Per spostarsi dal porto al centro città potete usare diversi mezzi a seconda dei casi (vi racconteremo nello specifico le nostre esperienze in altri articoli), dagli autobus cittadini, ai taxi, all’andare a piedi.

Qualora non riusciste a trovare informazioni e soluzioni, capita di rado, ma può succedere, la compagnia organizza sempre dei semplici trasferimenti dalla nave al centro cittadino e ritorno, ovviamente costano di più dei mezzi pubblici, ma se non avete trovato alternative, sono una valida soluzione e ancora abbastanza economica.

Non preoccupatevi, l’organizzazione non è pesante e nemmeno le visite, quando abbiamo visitato Atene ero incinta di nostro figlio e siamo riusciti a vedere tutto spostandoci con i mezzi pubblici, anche con la pancia 🙂

4 Spese a Bordo

Se l’idea è di viaggiare risparmiando cercate di non spendere a bordo, solitamente i bar sono costosi a meno che non usiate i pacchetti bevande (punto 1 del presente articolo), in alternativa è preferibile, visto che di norma si arriva ogni giorno in una città diversa, scendere dalla nave e fermarsi nei bar del posto così facendo oltre a risparmiare si possono gustare i prodotti locali.

A bordo ci sono poi dei duty free dove invece l’acquisto è abbastanza conveniente per liquori e sigarette, fanno anche delle offerte specifiche dove si risparmia ulteriormente (per le quantità valgono le regole classiche, trattato di Schenghen, come per il trasporto aereo per capirsi).

 

5 Mance

Le mance a fine crociera sono obbligatorie su Costa Crociere, vengono addebitate direttamente sulla carta, ma, ad esempio, non lo sono più su MSC Crociere e su Royal Caribbean, leggete bene i contratti! Se avete scelto una delle compagnie che non vi obbliga a pagarle quando salite a bordo andate subito alla reception e chiedete di essere esonerati. In caso di nessuna comunicazione le mance verranno addebitate anche sulla MSC Crociere per esempio.

Noi riteniamo che in quanto “mancia” non possa essere obbligatoria e importi tra i 10 e i 15 euro al giorno a persona ci sembrano una follia, senza contare che non si sa se poi vadano davvero a chi a lavorato per noi…

 

Con o senza mance…

Buona navigazione!

 

Luisa S.

 

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *