Ponte di Ognissanti in Villa a 89€ a camera

2 adulti in Villa Pitiana 4* nel ponte di Ognissanti a 89€ e in questa offerta avrete compreso:

  • 1 notte in camera doppia classica vista giardino per 2 adulti
  • Prima colazione servita in camera
  • 1 Bottiglia di spumante 
  • Vassoio di frutta
  • Wifi gratis 
  • Parcheggio privato Gratuito

 

Come Prenotare:  LINK OFFERTA

Quando prenotare: al più presto

Periodo di viaggio: disponibilità nei mesi di Ottobre – Dicembre

Cosa Vedere nelle vicinanze: San Marino

Tripadvisor: 4,0 su 5 con 289 recensioni

Cenni Storici

Villa Pitiana si trova a 430 mt sul livello del mare e con la sua poderosa struttura divide gli ultimi ulivi del Valdarno dal secolare arboreto di Vallombrosa.

La Storia della Villa data al 3 Luglio 1039, quando la Badessa Itta del monastero di S. Ellero, donò a S. Giovanni Gualberto il terreno di Vallombrosa, ma per il sostentamento suo e dei suoi monaci dovette aggiungere a questo terreno un podere con orto e vigna a Pitiana Nella metà del 1200 Pitiana, per la sua posizione strategica, fu al centro degli scontri fra Guelfi e Ghibellini fiorentini.

La parte più antica di Villa Pitiana è certamente una “casa da signore” – così chiamate queste costruzioni fortificate, caratterizzate dalla presenza di un’alta torre, databile al Trecento.

Nell’estate del 1483 Lorenzo il Magnifico de’ Medici tentò invano di acquistare dal generale Biagio Milanesi, Villa Pitiana.

Dal secolo XV al XVII le fattorie fortificate sono convertite in grandi ville e dimore storiche.

Nel 1610, come indica la data impressa su una lapide, fu aggiunta l’ala posteriore, con la facciata a tre piani.

Di questo stesso periodo è lo stemma tardo-manierista col bastone di San Giovanni Gualberto e la mitra (simbolo della dignità vescovile dell’abate di Vallombrosa) che si trova nel cortile maggiore di Pitiana.

A seguito delle confische napoleoniche del 1808, l’abbazia di Vallombrosa fu soppressa e tutti i suoi possedimenti, inclusa Pitiana, furono alienati a privati, entrando nel possesso dei nobili Grottanelli.

Alla fine dell’ Ottocento la fattoria di Pitiana si trasforma definitivamente in villa e acquista la facciata monumentale, architettonicamente ancorata allo stile accademico di derivazione rinascimentale.

 

Il Parco

Il parco di Pitiana deriva la sua origine dai rifacimenti ottocenteschi che completarono la conversione della struttura da fattoria a Villa.

L’arboreto è ricco di piante di altofusto non autoctone ma importate, come nella norma degli arboreti di stile inglese di fine secolo.

L’arboreto di Pitiana, si trova nelle immediate vicinanze della villa. È uno degli arboreti più importanti della Toscana, insieme a quello di Vallombrosa.

Ogni albero ha alla base un cartello dove sono riportati il nome della pianta in italiano e in latino e una breve descrizione della pianta e delle sue origini.

Di seguito è scaricabile l’elenco delle piante presenti nell’Arboreto di Villa Pitiana. Una vasta documentazione delle specie è presente nella biblioteca della Villa, consultabile dagli ospiti. Parimenti, il giardino della Villa è ricco di erbe aromatiche tipiche dei luoghi, quali: Achillea, Acetosella, Asparagina, Camomilla, Cicerbita, Dente di Leone, Ginepro, Menta, Nepitella e Salvastrella.

 

Andrea C.

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.