Palermo weekend enogastronomico

Oggi vogliamo raccontarvi di un weekend alternativo! Siamo andati a Palermo!

Volo ryanair trovando un’offertona (prenotando in anticipo): https://www.ryanair.com/it/it/

Palermo è profumi, viette, atmosfere e CIBO!

Ci sono così tante cose da assaggiare che un weekend non basta a meno che non vogliate rischiare l’indigestione 🙂 (io ci sono riuscita!).

Il cibo da strada è disponibile ovunque e fino a tardi la sera, a prezzi modici potete provare varie specialità tra le quali:

Cannoli siciliani, appena fatti e con ricotta fresca … farciti con i pistacchi, granella di nocciole o frutti di bosco.

Pane panelle e crocchè, un panino con un impasto fritto di ceci o di patate.

Pani ca meusa, pane con la milza, che sebbene particolare è davvero una specialità (a mio parere ricorda il kebab).

Aranticini di riso, palle di riso  impanate e fritte, ripiene di ragú, piselli, prosciutto, caciocavallo, … (Andrea ha dato il meglio di sé, assaggiandone ovunque e di ogni gusto).

I posti dove mangiarli sono davvero tanti, noi ve ne segnaliamo uno che ci è rimasto impresso: “Antica focaccieria San Francesco”, vicino all’omonima chiesa, via Alessandro Paternostro 58, ci siamo andati il primo giorno, erano le 23 ed eravamo molto affamati, il locale è storico, arredamenti molto spartani e cibo molto fritto 🙂

Andate poi da Basile, via bara all’Olivella, chi va a Palermo non può non andarci, specialità tipiche come pasta alla norma, pasta con melanzane fritte virgola e pasticcio di pasta.

I ristoranti invece fanno porzioni abbondanti e il cibo è saporito e piuttosto condito, noi vi abbiamo mangiato consapevolmente 🙂 e senza antipasto per strada.

Il ristorante che mai ci scorderemo: Zú Totó, via Montepellegrino, nel cuore del mercato della Vucciria. Con 10 euro esci sicuramente sazio.

I mercati meritano sicuramente una visita: la Vucciria in piazza Caracciolo e via adiacenti per un mercato alimentare molto pittoresco.

Ballarò in piazza del Carmine e piazza Ballarò, il più antico mercato alimentare della città con cibi già cucinati è molto frequentato dai palermitani al rientro dal lavoro.

 

Noi siamo stati poi a Mondello, il mare dei palermitani.

Da Piazza Sturzo abbiamo preso l’autobus 806, comodo ed economico.

A Mondello abbiamo dormito nel B&B “Al Baglio”, veramente carino, fronte mare, pulito, più un hotel che un bed and breakfast.

Un posto veramente romantico.

Sicuramente un weekend non basta per vedere Palermo, ma sicuramente è un buon modo averne un “assaggio”.

Luisa

Commenti Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *